Archive | Ortolistico a Londra (2008-2012) RSS feed for this section

Il mio orto sulla rivista ‘Kitchen Garden’

7 Dic

E’ uscito finalmente, e gli hanno dedicato ben  tre pagine! Il numero con l’articolo relativo alla vincita del secondo premio del concorso fotografico indetto dalla rivista ‘Kitchen Garden’ e’ in edicola. Wow, ora posso davvero iniziare a montarmi la testa! 🙂

Kitchen garden January 2013

Kitchen garden competition1

Kitchen garden competition2

Lavori autunnali

29 Nov

Ed e’ passato anche questo autunno. Da queste parti arriva il freddo molto prima che in Italia e tanta tantissima pioggia (lo stereotipo del clima londinese, meno la nebbia). Nell’allotment sembra tutto fermo. Anche se e’ questo il periodo per seminare agli, cipolle, fave, verdure orientali e piselli, nei campi, pure nelle rare giornate di sole, si vede poca gente in giro e gli orti sembrano abbandonati a se’ stessi. Le erbacce nei plot dei vicini hanno ormai preso il sopravvento e conquistato ogni centimetro di terra nuda (vedi foto sotto). Il mio orto sembra quasi finto in confronto per quanto e’ immacolato – ed il tutto senza fatica. Mentre i pochi stoici zappano, imprecano contro equiseto, gramigna ed altre erbacce e si spezzano la schiena, io mi vergogno di avere ben poco da fare. Giusto qualche raccolta, gli stagionali controlli della pacciamatura e del suolo e rifare i sentieri. Che devo dire …. evviva l’orto ‘no-dig’!!! Il mio vicino deve aver sofferto cosi’ tanto quest’anno che mi ha ufficialmente comunicato che dalla prossima stagione adottera’ anche lui il metodo no-dig (no-vangatura) usando sentieri fissi, pacciamatura e via dicendo. Mi sta’ persino chiedendo informazioni su come si fa’ l’infuso di aglio contro gli afidi!! Se solo lo conosceste capireste perche’ sono cosi’ meravigliata …. e’ – anzi forse meglio dire era 😉 – l’antitesi del coltivatore biologico!

Continua a leggere

Varieta’ inusuali del 2012

31 Ott

Quest’anno mi sono divertita a sperimentare un po’ piu’ del solito nell’orto. Ho provato a coltivare per la prima volta specie nuove come l’Achocha e varieta’ un po’ inusuali – almeno per la sottoscritta – come il pisello mangiatutto giallo Golden Sweet, quello nero dal nome improbabile di Ezeta’s Krombek Blauwschokker, la pastinaca, il cavolo cinese ‘loose-headed’ Sobi, il rosette pak-choi/tatsoi Yukina Savoyed, il sedano da taglio Par-cel, la lattuga Flashy, il cavolfiore Verde Marchigiano, ed i cetrioli gialli Crystal Lemon. Alcuni di questi sono entrati nella mia lista dei preferiti, altri cadranno nel dimenticatoio. Quali?

Continua a leggere

Settembre nell’orto

2 Ott

Settembre e’ stato un mese interessante. Tanto per renderci la vita (orticola) piu’ difficile, a fine agosto siamo andati via per quasi tre settimane. A parte un paio di innaffiature qua’ e la’ da parte di quella buon anima del nostro vicino di orto – innaffiature minimaliste poiche’ qui si puo’ usare solo l’innaffiatoio ed il vicino ha piu’ di 70 anni! – le piante non hanno ricevuto altra acqua. Pioggia – ci hanno detto – zero. Al ritorno, ancora una volta, siamo rimasti sorpresi di come l’orto riesce a funzionare bene anche solo con un minimo intervento. Quest’anno sembra andare avanti piu’ o meno da solo. L’unico grosso problema che abbiamo davvero avuto e’ stato quello di trasportare le raccolte a casa!

Continua a leggere

Agosto nell’orto

21 Ago

Finalmente e’ arrivato il caldo (era ora!) e tutto procede bene nell’orto, nonostante il pessimo inizio causato dal tempo pazzarello. Ecco qualche scatto.

Continua a leggere

L’estate che non c’e’

18 Lug

Altra lunga assenza dalla rete, questa volta per cause metereologiche: piove, piove, piove …. e da raccontare non c’e’ moltissimo. Fuori ci sono 16 gradi, vento e pioggia ed i miei pomodori, zucchine, zucche e fagioli stanno crescendo con una lentezza esasperante. Ma alla fine poco importa. L’orto e’ lo stesso un luogo piacevolissimo dove passare le giornate ed osservare la natura …. e non e’ che raccolte non ce ne siano, anzi. Quest’ anno ho avuto una raccolta record di fragole (16 chili) e di ribes neri (9 kg alla data odierna), Continua a leggere

Maggio nell’orto

31 Mag

Dopo una lunghissima assenza dall’orto  – che spiega la lunghissima assenza dalla rete – riprendono i lavori! Sono stata via la bellezza di un mese ed ho dovuto lasciare, a malincuore, l’orto abbandonato a se stesso (sic…sic…). Ho lasciato Londra con siccita’ e temperature piu’ alte del normale (tanto da farmi sperare di coltivare le angurie!!!). Durante la mia assenza invece (da meta’ aprile a meta’ maggio) ha piovuto a dirotto, c’e’ stato il gelo e le temperature sono state prettamente invernali per un intero mese. Addio angurie …..

Continua a leggere

La Consolida maggiore

30 Mag

Ci sono piante che offrono preziosissimi aiuti nell’orto. Ortica, equiseto e consolida maggiore sono quelle a cui ricorro con piu’ frequenza. L’ortica, volendo macerata anche insieme all’equiseto, viene usata per stimolare la crescita delle piante, rafforzarne le radici, aumentare la difesa da malattie funghine e proteggerle da afidi, acari e numerosi insetti. Si puo’ usare anche per accellerare la decomposizione del compost. Si trovano molte informazioni online sui macerati di ortica e decotti di equiseto, entrambi usati in agricoltura biologica. Un po’ meno si parla invece della Consolida maggiore.

Continua a leggere

Design, tecniche di coltivazione e colture (3)

9 Apr

Ma perche’ tanti dettagli, qualcuno si chiedera’… Chi e’ che pubblica online la lista delle colture coltivate??? A chi gliene puo’ fregare? Inoltre il mio orto si trova in Inghilterra ed in Italia le condizioni sono un bel po’ diverse. Beh, devo essere sincera: mi demoralizza non riuscire a trovare online blogs orticoli che illustrino chiaramente quanto sono grandi, che landscape e design hanno, che colture e varieta’ vengono coltivate, che resa hanno, ecc. Se conoscete o se avete un blog del genere fatemelo sapere, vi prego…ve ne saro’ molto grata!!! Quindi, se pubblico cosi tanti dettagli del mio orto …. e’ perche’ spero di istigare altri a fare lo stesso con il loro 🙂

Continua a leggere

Un assaggio di primavera

3 Apr

Ah, che inizio di primavera … Forse colpa del troppo sole, mi sono persino messa in testa di provare a coltivare i meloni e le angurie quest’anno. Ah, ah, ah… che ridere! (direte voi) Le angurie in Inghilterra!! Eh, si, forse fate bene a ridere perche’ da prossima settimana ritornera’ il gelo! Oggi il meteo da’ 12C di massima e zero gradi di minima, mentre per mercoledi la massima sara’ invece di soli 7C … che tristezza…..Intanto, ecco cosa succede nell’orto. Continua a leggere

Design, tecniche di coltivazione e colture (2)

31 Mar

Continua da ‘Design, tecniche di coltivazione e colture (1)

PACCIAMATURA e SEMINE

Le parcelle del nostro orto vengono tenute coperte tutto l’anno da pacciamatura molto alta di paglia e letame di cavallo. Aggiungiamo, se capita, anche resti vegetali dell’orto. La pacciamatura offre numerosissimi vantaggi: riduce l’evaporazione dell’acqua, l’erosione del suolo, e non solo minimizza la perdita di fertilita’ ad opera delle piogge intense ma arricchisce nel contempo la terra, se fatta con materiale organico come nel nostro caso. Importante ricordare che la pacciamatura mantiene le condizioni di umidita’ e temperatura esistenti nel momento in cui questa e’ stata effettuata. Se si ricopre la terra quando e’ fredda e zuppa d’acqua rimarra’ cosi’ a lungo…quindi evitate di iniziare a pacciamare in pieno inverno, per esempio… Continua a leggere

Design, tecniche di coltivazione e colture (1)

25 Mar

“Che bello che avete un orto. Quanto e’ grande? Cosa coltivate?”. E’ la domanda di rito che tutti mi fanno quando dico che abbiamo una parcella di terra. E la risposta di rito per tutti, senza eccezioni, e’ una balbettatura iniziale e un vago “…mah, coltiviamo di tutto…”, seguito da una lista mooolto approssimativa. Forse e’ la paura di annoiare il mio interlocutore, che magari non e’ poi cosi’ interessato al giardinaggio, ed ancor meno di sentir parlare di permacultura, non lo so’, … anche se immagino che di curiosita’ ce ne sia tanta visto che l’orto si trova a Londra e che i climi non sono certo mediterranei. E cosi’ ho pensato di scrivere un articolo sul tema, cosi’ da rimandare coloro che sono interessati ad una risposta sensata a queste pagine, viste le mie scarse capacita’ di comunicazione orale! 🙂

Quindi, dopo l’articolo ‘Storie orticole (2008-2011)‘ eccomi con altri dettagli (divisi in tre parti).

Continua a leggere

Febbraio nell’orto

28 Feb

Iniziano i lavori finalmente! Abbiamo messo su un ‘summerhouse’ (nella foto sotto, in un angolo del nostro orto…si, quello con tutte le vetrate!) che dei vicini di allotment ci hanno molto gentilmente regalato. E’ davvero splendido e lo stiamo usando per il momento come serra per germinare (in via sperimentale!) dei semi di insalata, porri, peperoncini piccanti e cipolline …. e per ripararci dalle intemperie londinesi! Continua a leggere

Germogli

28 Feb

Sono in fervente attesa dell’inizio della nuova stagione orticola. Tanto il mio fermento e la mia impazienza di veder crescere qualcosa che mi sono data ai germogli ed ora la mia cucina e’ diventata un mini orto… Sono davvero buoni i germogli, devo dire, soprattutto di ravanelli mangiati insieme a dei tocchetti di tonno saltati in padella!

Continua a leggere

Le varieta’ migliori del mio orto (2)

17 Gen

Dopo aver esplorato, nella prima parte di questo articolo, le varieta’ che considero migliori (alla data odierna) di barbabietola, pomodori, cavolo rapa, zucche e zucchine, eccovi altre varieta’ di cui mi sento soddisfatta. 

Continua a leggere

Le varieta’ migliori del mio orto (1)

28 Dic

Lo ammetto, sono ossessionata. Ogni fine anno sfoglio e risfoglio decine di cataloghi di ditte di sementi alla ricerca di varieta’ che non ho mai provato. Vado su internet, leggo libri, riviste di giardinaggio, blogs…tutto alla ricerca di varieta’ (tradizionali, antiche, strettamente non ibride F1) da sperimentare. Trovo cosi’ noioso coltivare le varieta’ piu’ comuni, … e mortale coltivare solo una varieta’ di ortaggi, per esempio solo un tipo di fagioli!

Continua a leggere

Storie orticole (2008-2011)

26 Ago

E’ ora di presentare il mio orto. In questi quattro anni ho imparato moltissime cose, spesso dopo sbagli piu’ o meno madornali. Sepp Holzer, il coltivatore austriaco con la fattoria di permacultura piu’ grande ed ambiziosa d’europa, dice che – per trovare soluzioni ai problemi che incontra – si immagina al posto della pianta o animale che sia.  Beh, lo faccio anche io, lo ammetto, anche se non sempre mi riesce bene! Sara’ per via dei miei geni italiani. Mi spiego meglio. Mi sono chiesta, l’altro giorno, se – da pianta – mi piacerebbe crescere nel mio orto. Cosi’, in generale. La risposta e’ stata Continua a leggere

Colori dell’orto

23 Ago

Allotments in Inghilterra

21 Ago

Gran cosa gli allotments in Inghilterra. Sono parcelle di terra date in affitto dai boroughs (ovvero distretti comunali) a gruppi/associazioni formate da cittadini, spesso residenti locali.  Chiunque puo’ fare domanda di ricevere un pezzo di terra, che puo’ variare dai 50 ai 400mq: basta rivolgersi alla segreteria dell’ associazione prescelta, scegliere un plot tra quelli disponibili, pagare l’affitto annuo e via….si zappa! I costi di affitto sono irrisori (noi paghiamo £50 all’anno) e, nel nostro allotment, includono l’ uso di diverse cisterne d’acqua sparse qua’ e la’, concime animale (abbiamo la cacca dei cavalli della regina!!!!), cippato di legni (che usiamo per fare i sentieri). Ci sono delle regole da rispettare relative all’uso dell’acqua – niente pompe o tubi, ma si annaffia solo con innaffiatoi, dei fuochi – solo dopo il tramonto, dei prodotti che non si devono vendere, insieme ad altre piccole regole di ‘buon vicinato’. E’ persino un diritto di ogni cittadino, con tanto di legge, disporre di un pezzo di terra da coltivare. O meglio, la legge richiede ad ogni autorita’ locale di mantenere una adequata area di verde, che poi deve essere suddivisa in orti da dare in affitto a basso costo ai residenti (1908 Small Holdings & Allotments Act). Semplice? Non proprio.

Continua a leggere