I fiori nell’orto

8 Ott

I fiori rivestono un ruolo fondamentale nel mio orto, e non si tratta di un semplice capriccio estetico. La presenza di alcune piante in fiore, coltivate fianco a fianco a verdure annuali, alberi ed arbusti, apporta numerosi benefici, primo fra tutti quello di attirare i pollinatori (che non e’ da poco!). Se le piante vengono scelte con cura, e se selezioniamo quelle che attirano, per esempio, predatori benefici (che si nutrono di quelli che fanno invece danni) oppure se scegliamo altre, come le erbe aromatiche, che manifestano dirette proprieta’ repellenti, i vantaggi iniziano a diventare davvero significanti.

Lavanda in fiore

Con vero spirito permaculturista potremmo poi cercare piante che offrono una terza o quarta funzione, e di sforzi non ne dovremo fare tanti: non e’ difficile trovare, per esempio, piante commestibili (erbe aromatiche, nasturzio, centranthus, borragine, camomilla), piante che producono una discreta massa organica (cosmea, facelia), che possono diventare preparati naturali da usare nell’orto (camomilla, achillea) oppure che offrono una pacciamatura vivente (nasturzi).

I fiori, infine, rendono l’esperienza orticola sensorialmente piu’ piacevole, tolgono all’orto quell’aura di spazio utilitaristico, poco estetico, da sfruttare ed impoverire, rendendolo invece quasi un piccolo angolo di paradiso e di abbondanza, un angolo magico, dove passeggiare ed assaporare i frutti dei nostri sforzi. Uno spazio di diversita’ cromatica (non solo verde-verde-verde dappertutto, ma anche qualche tocco di colore qua’ e la’) ed adatto cosi’ ad essere posizionato anche in aree piu’ visibili, magari davanti casa.

Fiori nell'orto londinese

Fiori nell’orto londinese

Non vedo quindi motivi per non avere fiori nell’orto. Anche se non avete molto spazio a disposizione e vi sembra di ‘rubare’, con i fiori, delle aree preziose alla coltivazione di ortaggi … beh, guardatevi bene intorno: piccoli buchetti ci sono sempre tra le varie file di verdure, sotto zucche e zucchine, davanti a pomodori, cetrioli, fagioli, nelle bordure dei letti o bancali. Basta sperimentare un po’per trovare le piante giuste, che rispondono alle nostre esigenze, allo spazio disponibile ed alle condizioni climatiche e di suolo.

Nasturzi sotto zucche

Nasturzi sotto piante di zucche

Ed eccovi ora qualche risorsa:

Utile, anche se in inglese, il database del sito della Royal Horticultural Society, dove potete cercare fiori in base a diverse voci. Alla voce ‘Garden type’ potete cliccare su ‘Wildlife garden’.

Larva di coccinella su foglia di ortica

Larva di coccinella su foglia di ortica

Questa tabella di piante e gli ‘ospiti’ che attirano invece (fonte: catalogo della ditta ‘Suffolk Herbs’) puo’ essere utile per assicurarci di attirare i maggiori pollinatori ed insetti benefici. I sirfidi sono pollinatori e si nutrono di afidi; le larve di crisopidi si nutrono, tra l’altro, di afidi e di acari e le coccinelle, anche queste, si nutrono di insetti (leggi afidi) ed acari.

Piante
Api
Uccelli
Farfalle
Sirfidi
Crisopidi
Coccinelle
Achillea
x
 
x
x
x
x
Agastache foeniculum
x
x
x
 
 
 
Ajuga reptans/Bugola
x
x
x
x
 
x
Anethum graveolens/Aneto
 
 
 
x
x
x
Anthemis tinctoria
x
x
x
x
x
x
Antirrhinum
x
x
x
 
 
 
Aquilegia
x
x
x
 
 
 
Aster
x
x
x
 
 
 
Calendula officinalis
x
x
x
x
 
 
Centranthus ruber
x
x
x
 
 
 
Citrus × bergamia/Bergamotto
x
x
x
x
 
 
Coriandrum sativum/Coriandolo
 
 
 
x
x
x
Cosmea
x
x
x
x
x
x
Dianthus barbatus/Garofano dei poeti
x
x
x
x
 
 
Digitalis purpurea
x
x
x
 
 
 
Echinacea
x
x
x
 
 
 
Echinops
x
x
x
 
 
 
Eranthis hyemalis/ Piè di gallo
x
 
x
x
 
 
Erysimum
x
x
x
x
 
 
Eschscholzia
x
x
x
x
 
 
Eupatorium cannabinum/Canapa acquatica
x
x
x
 
 
 
Filipendula ulmaria/Olmaria
x
x
x
x
 
 
Helianthus annuus/Girasole
x
x
x
 
x
 
Heliotropium
x
 
x
 
 
 
Humulus lupulis/Luppolo
 
x
 
 
 
 
Hyssopus officinalis
x
 
x
x
 
 
Knautia arvensis/Ambretta
x
x
x
 
 
 
Lathyrus odoratus/Cicerchia odorosa
x
x
x
 
 
 
Lavandula
x
x
x
 
 
 
Limanthes
x
 
x
x
 
 
Lobelia
x
x
x
 
 
 
Lunaria annua
x
x
x
 
 
 
Matthiola longipetala
x
 
x
x
 
 
Mentha aquatica
x
 
x
 
 
 
Nicotiana
x
x
x
 
 
 
Oenothera biennis/Enagra comune
x
x
x
x
 
 
Origanum
x
x
x
 
 
 
Papavero orientale
x
x
x
x
 
 
Primula veris/Primula odorosa
x
 
x
 
 
 
Rosmarinus officinalis
x
x
x
x
 
 
Rudbeckia
x
x
x
x
 
 
Salvia
x
 
x
 
 
 
Scabiosa
x
 
x
 
 
 
Tagetes patula
x
 
x
x
 
x
Thymus/Timo
x
 
x
x
 
 
Tropaeulum/Nasturzio
x
 
x
x
 
x
Verbena bonariensis
x
x
 
x
 
 

Questi infine i miei fiori favoriti (la lista verra’ aggiornata di anno in anno) con un link che vi portera’ ad un articolo con le mie esperienze ed osservazioni personali🙂

  • Facelia tanacetifolia – mi piace perche’ … e’ bella, profumata, attira tanti pollinatori ed altri insetti benefici, si puo’ usare come sovescio, produce una discreta quantita’ di materia organica;
  • Cosmea – mi piace perche’ … e’ bella, da’ un tocco di colore e romanticismo all’orto, e’ (in mia esperienza) resistente alla siccita’, grandine e vento, e’ facilissima da coltivare, produce buona quantita’ di materia organica, addirittura preferisce un suolo povero;
  • Nasturzio – mi piace perche’ … , si puo’ seminare sotto altre piante a mo’ di pacciamatura vivente in modo da mantenere il suolo bello umido, e’ commestibile, da’ un tocco di colore all’orto, va’ bene anche in suolo povero; 
  • Centranthus – mi piace perche’ … e’ decorativo, le giovani foglie sono davvero deliziose da mangiare, e’ perenne, e’ resistente alla siccita’, cresce anche in terra argillosa o suolo povero e sabbioso; 
  • Borragine – mi piace perche’ … attira tanti pollinatori ed altri insetti benefici, e’ un buon ingrediente nel compost;
  • Achillea – mi piace perche’ … attira tanti pollinatori ed altri insetti benefici e sembra allontanare formiche e mosche, come bordura aiuta la maggior parte degli ortaggi, e’ perenne, e’ resistentissima alla siccita’ e cresce bene anche in terra argillosa, e’ piu’ longeva quando coltivata in suolo povero, si puo’ usare come attivatore del compost, migliora la fertilita’ del suolo, dalle foglie si puo’ ottenere un fertilizzante liquido … la lista continua …; 
  • Timo, origano e menta – mi piacciono quando vanno in fiore perche’ … attirano tantissimi insetti benefici rimanendo comunque ancora utilizzabili in cucina, crescono con facilita’, sono perenni, aiutano gli ortaggi che crescono vicino; 
  • Apiaceae (umbrellifere), tipo aneto, caro, coriandolo, cumino, finocchio, levistico, prezzemolo – mi piacciono quando vanno in fiore perche’ … attirano anche loro tantissimi insetti benefici e si autoseminano con facilita’ (se li lasciamo andare a semi) – tranne il levistico che e’ perenne! :)  

A presto!

13 Risposte to “I fiori nell’orto”

  1. Ele 8 ottobre 2013 a 14:03 #

    Grazie Laura per questi tuoi articoli che leggo sempre con molto piacere. La prossima primavera, quando il mio orto in cassoni sarà pronto per accogliere le nuove piantine voglio provare anch’io ad abbinare i fiori agli ortaggi. Finora ho utilizzato solo facelia e nasturzio e in effetti rendono l’orto decisamente più armonioso e colorato. Buona serata Ele

    • Laura 9 ottobre 2013 a 08:09 #

      Bene! Fammi sapere se prossimo anno provi qualche cosa di nuovo e se i risultati sono positivi …🙂

  2. Deanna 8 ottobre 2013 a 19:41 #

    Grazie Laura per le risorse e le tue esperienze,sempre utilissime! Tra l’altro per me cascano proprio a fagiolo!
    In questi giorni di ritorno del fresco sto assistendo,come ogni anno,ad una crescita mostruosa dei nasturzi,i quali però hanno “tirato a campare” con fatica per tutta l’estate…secondo te si tratta solo del caldo e quindi c’è poco da fare o sbaglio qualcosa?

    • Laura 9 ottobre 2013 a 08:35 #

      Ciao Deanna. Da mia esperienza i nasturzi non crescono bene quando manca acqua nelle fasi iniziali di crescita, a rischio soprattutto se vengono piantati un po’ tardino e seminati direttamente nell’orto, e da suicidio se pure se non c’e’ un attimo di ombra e rimangono sempre sotto sole cocente. Il problema (secondo me) non e’ tanto il caldo, ma l’evaporazione dell’acqua dal suolo durante la crescita iniziale. Quando sono contenti ed iniziano a diventare belli folti si pacciamano da soli e diventano piu’ resistenti alla siccita’. Tieni conto che crescono bene (forse meglio?) anche all’ombra di altre piante (basta che ricevono qualche ora di sole, meglio se sole pomeridiano – quindi non le ore piu’ calde della giornata). Puoi provare – se non lo fai gia’ – a seminare in primavera in vasetti in casa in un luogo molto caldo e trapiantare fuori quando le temperature lo permettono, usando una leggera pacciamatura e scegliendo luoghi che in estate ricevono qualche ora di ombra (la migliore e’ quella filtrata). Nell’articolo sui nasturzi che (prima o poi) scrivero’ spieghero’ come ho fatto quest’anno, con foto su scarificazione e dettagli su tempi di germinazione (velocissima!) e fioritura.🙂

      • Cristian 13 ottobre 2013 a 17:29 #

        Laura, è sempre un piacere leggerti. Aggiungo che quello che dici è generalmente vero per la maggior parte delle piante. Se subiscono uno shock idrico quando sono piccole, dopo non partono più, o se ripartono ci mettono mesi… quando ormai è troppo tardi.

  3. Andrea - EnergiaPura 12 ottobre 2013 a 15:52 #

    Ciao, ti ho nominato versatile blogger award😉

  4. Deanna 4 novembre 2013 a 10:06 #

    Grazie Laura,ho fatto più o meno come hai descritto tu,solo sono forse stata un po’ troppo parsimoniosa con l’acqua:-0…se non altro poi i miei nasturzi si sono ripresi,ora poche piante hanno creato una specie di meravigliosa giungla…e sai cosa ho notato? Vicino a loro ho diverse piante di cavolo ma le cavolaie le snobbano per rimpinzarsi di nasturzi!Sarà un caso fortunato?unica pecca di questo rigoglio tardivo è che non riesco a raccogliere i semi!ciao, a presto!

    • Laura 4 novembre 2013 a 16:43 #

      Bene, son contenta Deanna! No, non e’ un caso fortunato che le cavolaie snobbino i cavoli per andare sui nasturzi. A dire il vero e’ una consociazione usata proprio a tale scopo … e me ne ero pure dimenticata! Prossimo anno la usero’ anche io (non l’ho mai provata). Grazie per avermi rinfrescato la memoria!!🙂

  5. alberto popi 10 agosto 2014 a 05:38 #

    Che bello e interessante leggerti Laura grazie! Ora che ho fatto il pieno vado all’orto con una carica……

  6. tellincamuno 15 dicembre 2014 a 16:56 #

    bell’articolo, molto interessante la tabella

  7. federica 1 ottobre 2015 a 14:02 #

    ciao laura. innanzi tutto complimenti per lo splendido lavoro che state facendo! ho messo su un orto sinergico da 20 gg qui dove mi trovo(sicilia sud occidentale) e vorrei chiederti se c’è qualche fiore che posso mettere sui bancali adesso invece che aspettare primavera! grazie

    • Laura 5 ottobre 2015 a 11:09 #

      Cara Federica, grazie per i complimenti e … congratulazioni per il tuo nuovo orto sinergico! Mi chiedi quali fiori mettere sui bancali ora (capisco la tua impazienza!). Non ho una risposta perché non ho esperienza col clima caldo della Sicilia (beata te!!). Fai una ricerca, guardati in giro, guarda cosa cresce e fiorisce spontaneamente nei campi (puoi usare varietà appartenenti alla stessa famiglia botanica), fai una ricerca su internet. Se hai tanta fretta vai in un vivaio, guarda cosa e’ in fiore, se ti piace, se e’ utile nell’orto. Compra piante che poi si possono facilmente propagare o che si autoseminano con facilita’, così non dovrai riacquistarle ogni anno ed avrai – già questo autunno – un bel bancale fiorito!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: