Le migliori varieta’ del 2013: pomodori

31 Ago

La stagione e’ lungi dall’essere finita e le semine continuano. In semenzaio ci sono verdure orientali e scarola ed ho appena seminato in campo rucola, ravanelli, cime di rapa, rape, spinaci … Nonostante la nostra lunga assenza di tre settimane, l’orto ha resistito molto bene senza supervisione, sopravvivendo con un solo giorno di pioggerella simbolica, sole cocente (era fine luglio …) e niente annaffiature ad opera di umani. Ah, i miracoli che fa’ la pacciamatura!!!

Ma vediamo quali sono state le star di questa stagione, ed iniziamo coi pomodori.

La mia piccola esperienza spero sia utile non solo a coloro che coltivano al nord, ma anche a coloro che vivono in zone piu’ calde poiche’ le varieta’ che sono riuscite a maturare qui potrebbero essere provate fuori stagione oppure seminate per raccolte precocissime. 

POMODORI

Pomodori Black Cherry, Principe Borghese, Cream Sausage, Black Plum, Tigerella, Gardener's Delight

(da sinistra) Pomodori Black Cherry, Principe Borghese, Cream Sausage, Black Plum, Tigerella, Gardener’s Delight

Le varieta’ – Testate 15 varieta’: San Marzano Lungo, Tigerella, Gardener’s Delight, Costoluto Genovese, Black Russian, Japanese Black Trifele, Black Prince, Black from Tula, Black Pear, Black Plum, Riesentraube, Principe Borghese, Black Cherry, Lollipop, Cream Sausage.

I ‘blacks’, piu’ diffusi in paesi freddi, predominano tra le varieta’ scelte perche’ da queste parti …. beh, caldo non sempre fa’. Siamo ad una altitudine di 900m slm e 46° circa di latitudine – ovvero all’altezza del Trentino Alto Adige, per intenderci.

La sfida – I locali dicono che i pomodori non riescono a maturare all’aperto da queste parti, causa il clima, la peronospora e chissa’ cos’altro … (c’e’ anche il grillo talpa e la dorifora …). E invece …

Pomodorini

Pronti per una insalata di pomodorini

Le semine – Qui si va’ sul tecnico. Non mi offendo se scorrete velocemente!! Semi pre-germogliati in data 24/3 e 28/3 e seminate in vassoi in date diverse (28/3, 1/4, 7/4) a causa del freddo polare in casa. Il trapianto in vasetti e’ iniziato il 13/4 (ne ho fatti circa un paio, a mano a mano che le piante crescevano) ed in campo trapiantate in date diverse (5/5, 12/5, 19/5). Il 17/6 si e’ aperto il primo fiore di pomodoro ed il giorno dopo abbiamo avuto la prima grandinata (!!). Il 3/7 abbiamo notato i primi segni di peronospora ed iniziato a trattare le piante con macerati vari.

Le cure – A parte la protezione iniziale data durante il primo mese in campo e tolta pochi giorni prima della grandinata (si lo so’ cosa state pensando…) sono stati dati solo trattamenti naturali per fermare la peronospora, spray foliari di macerati vari, dati in media una volta al mese, e pochissime annaffiature (un totale di circa quattro, cinque), anche nei periodi di siccita’, e date solo quando le piante stavano urlando ‘seeeteeeee’ (lo so’, sono spietata!!). In questo modo ho anche potuto testare tendenze a spaccatura dei frutti (periodi di siccita’ anche lunghi si sono alternati a diluvi universali e questo causa normalmente spaccature in alcune varieta’) e predisposizione al marciume apicale (dovuto ad insufficienza di calcio causata da pioggie / irrigazioni irregolari). La pacciamatura e’ stata molto, troppo leggera, purtroppo.

La maturazione un po’ tardiva puo’ essere dovuta anche al fatto che ho interrato le piante molto in profondita’ (anche sopra le foglie cotiledonari – sono le prime che si formano – previa loro eliminazione), per favorire la formazione di radici avventizie e renderle cosi’ piu’ resistenti al forte vento che batte in zona e per aumentare la capacita’ di idratazione e nutrizione della pianta. So’ pero’ che questo ritarda un po’ la formazione dei frutti.

I RISULTATI

 ——- Nota importante sul sapore: Il sapore e’ stato testato a crudo, senza condimenti. I frutti di tutte le varieta’ (che sono maturate) cotte al forno si sono rivelate eccezzionali!! ———

Cream Sausage

Cream Sausage

I PERDENTI

Alla data odierna i Costoluto e i Riesentraube non sono ancora maturati. Lollipop e Black from Tula (le uniche due piante) non sono sopravvissute alla grandine. San Marzano Lungo ha iniziato solo qualche giorno fa’ a produrre pomodori maturi ma dalla buccia durissima e dal sapore non eccezzionale devo dire (mangiato a crudo), insieme a Black Prince, che pero’ sembra avere una forte tendenza alla spaccatura dei frutti. Cream Sausage sono riuscita a mangiare finora solo 3 o 4 frutti (anche se le piante sono molto prolifiche e piene di pomodori) ma devo dire che il sapore a crudo e’ un po’ blando (non e’ stato provato grigliato / cotto) ed hanno tendenza al marciume apicale (gli unici ad avere inizi di marciume).

I VINCITORI 

Quindi …. quest’anno vincono, senza ombra di dubbio, i Gardener’s Delight, maturati alla velocita’ della luce (transilvana), dal sapore dolce, leggero e rinfrescante, con la buccia sottile, succulenti, senza spaccature, e produttivi.

Gardener's Delight

Gardener’s Delight

Tigerella

Tigerella

Seguono a pari merito diverse varieta’, tutte a maturazione veloce, che hanno permesso raccolte a partire dai primi di agosto: i Tigerella, dal sapore seppur un po’ meno dolce dei Gardener’s ma (mi e’ sembrato) un po’ piu’ resistenti alla peronospora, senza spaccature; i Black Cherry, dal sapore interessante, intenso, dolce e salato (anche se tra le varieta’ in questo gruppo sono maturati per ultimi), anche questi senza spaccature; i Black Russian, gli unici pomodori a forma costoluta che sono finora maturati, su piante compatte, dal sapore piacevole, anche se tendenti alla spaccatura dei frutti; i Principe Borghese, varieta’ semi-nana, produttivissimi, a maturazione veloce, senza spaccature, con discreto sapore pomodoroso anche se con buccia un po’ spessina (sono pomodori da serbo).

Black Cherry

Black Cherry

Black Russian

Black Russian

Sono maturati bene anche i Black Plum e Black Pear, questi ultimi molto velocemente, ma il sapore dei Black Plum mi e’ sembrato mediocre, non dolcissimo e con la buccia molto spessa e dura, anche se sono ok per fare sughi, ed i Black Pear …. sono forse da riprovare.

Black Plum

Black Plum

I Japanese Black Trifele… una varieta’ dal nome cosi’ esotico e con belle foglie laceolate a patata, stanno maturando un po’ piu’ lentamente del gruppo vincitore. Il sapore mi e’ sembrato molto interessante ed intenso … anche queste da riprovare!

Japanese Black Trifele

Japanese Black Trifele

Black Pear, San Marzano, Japanese Black Trifele

Black Pear, San Marzano, Japanese Black Trifele

Insomma … sono soddisfatta che la sfida e’ stata vinta (almeno per quest’anno) e che i pomodori sono maturati nonostante le numerose difficolta’ (e lo scetticismo dei locali … e questo dimostra che bisogna osare!). Prossimo anno ci saranno nuove varieta’ da testare e riprovero’ le vincitrici … poi ci sara’ la finale, quando saro’ contenta della prestazione e del sapore di una decina di varieta’ circa … che avverra’, chissa’ … tra una decina d’anni ???🙂

5 Risposte to “Le migliori varieta’ del 2013: pomodori”

  1. Cristian 2 settembre 2013 a 10:36 #

    Brava Laura, bello vedere che anche li riesci a fare bei pomodori. Ci fai già pensare all’anno prossimo cioè a le nuove varietà da provare…

  2. alessagro 7 settembre 2013 a 18:26 #

    Laura il terreno immagino fosse molto forte.
    Direi che alcuni dei pomodori in foto hanno preso delle belle scottature da sole.
    Alcune forse evitabili mantenendo la pianta affogliata al massimo. Avete defogliato i primi palchi?

    • Laura 8 settembre 2013 a 11:21 #

      Ciao Alessandro. Dunque …. sai che non saprei se sono scottature da sole? I frutti dentro erano ok, normali. Inoltre, girando sul web, ho trovato foto di frutti di queste varieta’ nere molto simili, ovvero anche queste con striature / aree gialle o verdi, tipo qui:

      heirloom tomatoes

      e qui

      heirloom gardener

      … mah …

    • cristianonatati 8 settembre 2013 a 11:47 #

      Ciao Allessandro,
      Forse sono proprio le varietà di pomodori ad essere così. Nel mio orto ho qualche varietà simili. Ho provato a tenere le piante piene di foglie e a tenerle più pulite (sfemminellatura…) ma il colore non è cambiato. Altre cose sono cambiate, ma non il colore stesso del pomodoro.
      Ciao

  3. stefania 17 ottobre 2016 a 10:53 #

    Ciao ho letto solo ora la tua esperienza, dove hai reperito tutte queste varieta’? Io son riuscita a trovare solo i Principe Borghese e i Black Cherry, mi potresti dare indicazioni? Io abito in Veneto in collina pedemontana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: